Reading: Come Wang-Fô fu salvato/How Wang-Fô was saved.

E anche il vecchio pittore Wang-Fô e il suo servitore Ling sono stati alla fine tratti in salvo, o almeno fra le fila delle mie visioni quotidiane. Breve racconto di Marguerite Yourcenar contenuto nelle sue Novelle Orientali, Come Wang-Fô fu salvato  è il mio talismano, assolutamente. Una storia misteriosa e metaforica, fatta di rinunce ed equilibri, simboli, con un finale inatteso e sovrannaturale dopo quello che è un percorso iniziatico.

Mi ci è voluto tutto ieri in pratica per dapprima leggere, poi incidere la musica, aggiungere la lettura eseguita da Mandie Shattuck sulla mia stessa musica, una cosa ch mi ha molto emozionato perché genera una serie di entenglement non da poco, e infine eseguire un certo numero di mix, formati, tagli e rifiniture utili per poterlo veicolare nei vari sensi che il web autorizza. Ma il senso centrale di questo movimento ininterrotto non lo autorizza nessuno, bisogna saperlo osservare, permettere da soli, salvarsi da soli. E la magia succede ancora.

Mi sento contento, mi sento grato, a me stesso per la intensa immersione e anche a Mandie che ha aderito con entusiasmo da subito. Seguiva, questo atto, un tentativo del giorno prima non andato a buon fine, poiché il testo di cui disponevo era incompleto e l’originale in francese era in casa d’altri. Ho così dovuto tradurre daccapo la breve storia e questo la rende ancora più aderente all’operazione che avevo ispirato.

A questo indirizzo Bandcamp che segue più sotto, e sul mio canale YouTube alla playlist appositamente creata, potete ascoltare sia la mia lettura che quella di Mandie.

https://alessandromuresu.bandcamp.com/album/alessandro-muresu-madge-midgely-reading-come-wang-f-fu-salvato-how-wang-f-was-saved-2019

 

Un forte abbraccio a tutti coloro che scopriranno questa avventura nella propria.

Annunci

Non importa

Non sono interessato ad ascoltare i ragguagli della soap popolare,

uguale per così tanti

somiglia alle file di facce fuori e dentro al cimitero

i piani e i sogni eterodiretti

gli stracci di rimorsi e offese

le innocue commistioni

il business maleodorante

il compromesso

la solita montagnola di ego di merda

Altro è quando mi dici:

Ho capito

Ho detto una verità sul mio conto

Ho cominciato a svelare il mio mistero

Tutto qui intorno sta distruggendosi per via di ciò

e non me ne frega un accidente

Di questo voglio sentire parlare a voce alta

Il resto non conta

 

Anteprima: Madge Midgely ft Alessandro Muresu-Kitty Duet

Appena finito questo acquerello di suoni intitolato Kitty Duet, che prende vita grazie alla presenza vocale di Mandie e le sue gatte, mi sono sentito veramente sereno. Un po’ per la sorpresa di avere trovato negli invii di posta un materiale così originale e diretto, un po’ per il trasporto che istanti simili immancabilmente suscitano, per fortuna. Viviamo in una epoca cruciale di istanti, istanti concreti, frattali, scalari, moltiplicabili e  richiamabili senza limite, e invece di coglierli come mossi da una brutta e nera fame possiamo anche ascoltare quella cosa in più che ci vengono a dire ed è: va tutto bene, sono ancora qui.

Certo, sarei voluto uscire per dedicarmi il premio di una corsa fra i pini ma il tempo faceva schifo e fa ancora schifo. Ho avuto allora una frase per pensare a tanti momenti simili, al di là della musica che ci completa e ci fa stare bene e ci trasforma. Certe volte, qui dove è tutto perfettamente sabotato e in tinta con la mia poderosa opera di smontaggio, mi sento come un allevatore di animali mitologici che solo io e i miei amici possiamo vedere, coi quali per giunta parliamo e programmiamo le nostre avventure più importanti, e questa faccenda occupa gran parte delle giornate. Non potrebbe esserci migliore situazione per sviluppare questa missione, o sarebbe un nuovo episodio di intrattenimento collettivo. I numeri scarsamente consapevoli ci danno l’entità della scelta della forza, alla quale non interessa la quantità di recipienti, anche se fosse uno solo il proprio designato in tutto il multiverso, il mure-verso in questo caso. Prendo visione dell’assegnazione e non protesto. Si fa sempre più emozionante questa stasi, come andare in bicicletta senza i freni. Che te ne fai dei freni, se non ti devi fermare? Le abilità acquisite sono sufficienti a dirigere il peso e scansare eventuali ostacoli. Attorno, armata di retino acchiappa-momenti e di un calendario con in rosso i giorni delle lotterie, la gente viene sballottata da una parte e dell’altra pur di evitare che prenda coscienza, estratta da ogni intuizione.

Anche questo titolo è dunque partito, con le stesse incognite e sorprese, e prende il suo corso. Lasciamo che sia.

 

 

Net of Ten LP2019 è on line

Brevemente, ottavo capitolo della serie 2019 nei meandri della bassa fedeltà, della dissociazione di idee e dell’accettazione di quello che è. Lascio quindi la parola alle note di copertina sotto al link per il gratuito download di Net of Ten, disponibile anche sulla mia pagina Bandcamp https://alessandromuresu.bandcamp.com/album/net-of-ten-lp2019 , suggerendo all’ascoltatore di recapitarlo a tutti coloro si trovano sul loro proprio e più vero cammino. Un forte abbraccio, a presto.

https://www.mediafire.com/file/9ujw71zdmyjslu7/ALESSANDRO_MURESU-NET_OF_TEN_LP2019_MP3.rar/file

Net of Ten/Lp2019

PDF:  Alessandro Muresu-Net of Ten Lp2019-Testi

Dedicato ai pochi.

Iscritto ad una rete più ipnagogica rispetto ai capitoli più recenti, questo mio nuovo è arrivato rapidamente sulle mie rive. Ho cominciato ad imbastirlo verso la fine di Aprile e, oltre al fatto che l’ho terminato un’ora fa e che i metodi di assemblaggio sono stati i medesimi di ogni altro mio atto, ho così poco da suggerire, sempre meno! Abbiate un buon ascolto e rintracciatelo nella vostra esperienza, non solo musicale.

Tutti i brani di Alessandro Muresu.

Eventuali interferenze sono da additare a captazioni involontarie di trasmissioni televisive, radiofoniche, telematiche.

Foto di copertina di Siralemu.

Dono la mia opera Net of Ten gratuitamente, avvertendo l’ascoltatore che non può esserne fatto alcun uso commerciale. Io Sono Alessandro.

Contatti. L’unica forma valida ed onorevole di contatto e accordo per quanto concerne i miei affari è il contatto diretto con me, preferibilmente di persona. Nessun altro è incaricato o indicato per siglare accordi che riguardano la mia essenza.

Scrivere: alessandromuresu@hotmail.com

Leggere: https://alemuresu.wordpress.com/

Ascoltare: https://www.youtube.com/channel/UCPKH9dikBl6pRFnVcCh5v_A

Ascoltare: https://alessandromuresu.bandcamp.com/

Indagare: https://www.facebook.com/siralemu

Orientarsi: https://www.reddit.com/user/alessandromuresu

-NET OF TEN-

01.18.18 02.Hidden in the painting 03.Totoro

04.Last object seen 05.Mosaic 06.Shore of a shore

07.Tourmalet 08.Net of ten 09.Having lunch with Count of Saint-Germain 10.Beyond the answer

 

ALESSANDRO MURESU-NET OF TEN LP 2019 COPERTINA

Ad alta voce

Ho radunato un po’ di amici e ho proposto loro una lettura musicata dal vivo della novella “Come Wang-Fô venne salvato”, di Marguerite Yourcenar. Sarà un episodio unico di drone ambient diretto per chitarra baritona e percussioni, accanto al lavoro di due voci narranti.
Chi, come, dove e quando è presto per esser detto, l’ho pensata stamattina e mi serve del tempo per muoverla, spero anche grazie alle intuizioni dei nostri conoscenti che possono suggerire contesti adeguati per eseguirla.
Quel racconto è il mio talismano ed è giusto dargli uno spazio fra le mie storie. Non escludo di inciderne anche una mia versione interamente personale a breve.
Vi invito a leggere questa straordinaria opera poco conosciuta.

Nessuna assenza

Bisogna prendere quel che c’è ma soprattutto meditarlo nel presente impersonale.
Spesso mi chiedono dove trovare i brani e informazioni. Il metodo è lo stesso per chiunque. Basta digitare sulle piattaforme più note e mi si trova. Il fatto che ci siano migliaia di mie composizioni che si susseguono a getto continuo non ha importanza, poiché senza la volontà di semplice ricerca dell’ascoltatore, nessuna informazione lo può raggiungere. A volte siamo spaventati di scoprire che quello che hanno creato gli altri ci può spiazzare, perché è proceduto in avanti su bisettrici invisibili e porta dove non ci conosciamo, perché è una coscienza sconosciuta. Accadrebbe comunque, per via delle nostre intenzioni per prime, nelle nostre vite che si srotolano.
 
Tutta questa musica difficilmente può essere ascoltata dal vivo. Lo scenario delle attività culturali territoriali è in avaria da diversi anni, non interessato dal suo standard alla ricerca, e a dire il vero nemmeno i contesti di ricerca ricercano, presi da solidificare visibilità ad alterna fortuna per sopravvivere.
Complesso stabilire una linea di coscienza identica con musicisti adeguati e preparati al genere, che vengano non solo da un percorso di ascolti, scrittura e incisione tangibile, copioso e costante, ma anche da una conoscenza di sé profonda, che è il percorso che mi segue e che dirige il mio suono. Lo faccio con realtà distanti migliaia di chilometri, con esseri che sono diventati i miei alleati, ma nelle prossimità è impraticabile. Ciò non mi affrange né è una lamentela, è solo una indicazione a chi è attento alle mie storie, per comprendere alcuni vuoti e pieni.
 
Adesso sto dedicandomi a scrivere un po’ di silenzio, dopo 8 capitoli molto impegnativi che ho creato quest’anno. Tornerò per fine Maggio con un capitolo acustico, un nuovo di drone e il prossimo volume con Madge. Un abbraccio dal presente dove io sono e dove non c’è assenza.

Radar Lp2019 è on line

Capitolo 8 della serie 2019 inscenata nell’indagine interiore. Si intitola Radar. La parola ora passa, subito dopo avervi segnalato il link per il free download, alle note di copertina. Conoscetelo e fatelo conoscere. Alle prossime.

http://www.mediafire.com/file/l41sug5q8bf3ji5/ALESSANDRO+MURESU-RADAR+LP2019+MP3.rar

 

Radar/Lp2019.

Dedicato ai pochi.

Questa opera intitolata Radar è il mio ottavo titolo della serie 2019 della bassa fedeltà, inscenata durante il mese di Aprile negli esperimenti, nel drone folk e in alcune scorribande ambient. Non ci sono i sussulti e le novità rivoluzionarie, giusto uno che suona un paio di chitarre baritone e bidoni dell’acqua in case quasi normali. Penso sia stato il lavoro più unitario di quest’anno del quale sono molto soddisfatto, benché mi trovo in un atteggiamento interiore talmente estrinsecato dal piano canonico che a malapena mi capacito di averlo inciso. So di essere stato lì anche a questa tornata. Questo è tutto.

Tutti i brani di Alessandro Muresu.

Foto di copertina di Siralemu.

Dono la mia opera Radar gratuitamente, avvertendo l’ascoltatore che non può esserne fatto alcun uso commerciale. Io Sono Alessandro.

Contatti. L’unica forma valida ed onorevole di contatto e accordo per quanto concerne i miei affari è il contatto diretto con me, preferibilmente di persona. Nessun altro è incaricato o indicato per siglare accordi che riguardano la mia essenza.

Scrivere: alessandromuresu@hotmail.com

Leggere: https://alemuresu.wordpress.com/

Ascoltare: https://www.youtube.com/channel/UCPKH9dikBl6pRFnVcCh5v_A

Ascoltare: https://alessandromuresu.bandcamp.com/

Indagare: https://www.facebook.com/siralemu

Orientarsi: https://www.reddit.com/user/alessandromuresu

-RADAR-

01.Eskimos 02.Meeting the dragon 03.Blue lead

04.Volcano in the garage 05.I don’t listen to you 06.The voice of Alessandro

07.There won’t be a next time 08.Reuinted 09.Radar

 

ALESSANDRO MURESU-RADAR LP 2019 COPERTINA