Vita, morte, verità.

La parola vita. La parola morte. Quale vita. Quale morte. La cantano i bimbi sotto agli stendardi. Si tratta della marcetta di una azienda privata che traffica in merce umana e che da questa merce ignorante, addormentata, identificata, da questi cittadini, con l’incantesimo della carta estrae energia vitale, anima. E si discute della parola vita e della parola morte. Le parole, la carta. La morte non esiste ma fin quando non lo si comprende liberandosi nella verità neppure la vita esiste. Nego il consenso a quanto accade in sogni come quello. Il mio piccolo parere a riguardo.

Casa

Breve video fatto al volo in uno dei pochi posti fisici che sento trasmutati e veri. In questo periodo ci torno volentieri all’Argentiera e ogni volta il tragitto vola sotto le ruote. Traffico ridotto a zero, silenzio, luce. Nessun impiastro che ti insegue per pedalarti dietro. Ogni cosa sembra volerti lì e da nessuna altra parte, come le mie indicazioni. Se capitate sull’isola, qui ci dovete andare.

2015 argentiera

 

Casa from Alessandro Muresu on Vimeo.

30

Lasciarsi dietro la parte densa del vissuto è come lasciare un fitto diario molto personale sulla branda di una cella. Quando si lavora per guadagnare la libertà, man mano il ricordo della limitazione se ne scappa via. Più impegno si mette, più velocemente svaniscono le sbarre e così la preoccupazione e l’attaccamento a quello che si lascia, coi suoi nascondigli e cautele. Qualcuno troverà, qualcuno leggerà, qualcuno si farà una opinione brutta, qualcun altro farà delle speculazioni, rubacchierà, ne approfitterà rintracciando debolezze e miserie e virtù per avvantaggiarsi. Ma questo avviene di già, avviene su un piano limitato, dunque continua a valere solo fra chi considera casuale ed incontrollato l’andamento di quei tiri e miraggi fra i quali pescare, fra alterne fortune e disastri ai quali obbedire. Quale paura, gelosia e tentazione di tornare indietro possono essere più forti della complicità con la libertà, se è vera libertà? Possono essere più ambite di una gioia rincorsa migliaia di anni? Non ha senso e non ci sono vie di mezzo. Se è vera, è e basta e lo sarà per sempre. Ci sono doni sconosciuti che vanno oltre quelle pagine e vengono chiamati e accolti da chi si sta liberando, uno che ha riflettuto sulle sue pagine comuni considerandole vive e mai estranee alla sua diretta responsabilità. In tanti si stanno accorgendo di questo e che è già cominciato il momento di assumersi la responsabilità di tornare autentici.

La vita diventa reale e regale e anche quello che c’era prima è curato. Non è più pagina morta da spulciare per deteriorare soluzioni e prendere tempo ma una creazione/regno coerente di cui si scopre finalmente l’auto-Re.

The Teams- Inedito2015

Brano inedito, per ora intitolato The Teams, o Ascension teams, che così su due piedi mi fa pensare che presto aggancerà molti altri pezzi.

 

 

Alessandro Muresu-The Teams (2015) from Alessandro Muresu on Vimeo.

A.-True Clothes Lp2015

Alessandro Muresu-A.-True Clothes Lp2015 from Alessandro Muresu on Vimeo.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 48 follower