Madge Midgely-Alessandro Muresu: un nuovo episodio

Senza lungaggini, poco fa ho fatto una selezione di 9 delle avventurose tracce che Mandie ed io abbiamo creato negli ultimi 30-40 giorni e le ho caricate sulla mia pagina Bandcamp. Mancano i successivi 25 minuti della già esauriente (21 minuti e 30 sec) 173, perciò mi prendo la libertà di integrare la seconda parte verso la fine della settimana. Nel mentre sto cucendo gli ultimi dettagli del mio lunghissimo OAMWTHIHS, che a questo punto diventa il mio titolo numero 16 del 2018.

Il link per ascoltarci è questo qua:

https://alessandromuresu.bandcamp.com/album/madge-midgely-alessandro-muresu

Abbiamo creato senza consultarci, invadendoci, dichiarando guerra agli spazi e ai silenzi, cercando nuove maree da zittire. Nove tracce come quelle già apparse nel nostro capitolo precedente di Ottobre, all’insegna del lo-fi e della spontaneità giocosa, ma anche di profondità e aspetti inquieti. Ci sono brani lunghi, sostenuti, che deviano nella foresta poetica e spariscono, e  brani corti come fiammiferi che continuano a bruciare inaspettatamente. Lascio la descrizione interiore alle note che ho firmato per presentare l’episodio e colgo l’occasione per ringraziare Mandie Shattuck ancora una volta per la sua presenza radiosa e il suo grande supporto alle migliori energie di questa epoca decisiva.

Ho davvero piacere di presentare ancora una volta un episodio di questa intensa e bella collaborazione tessuta insieme a Mandie Shattuck, l’ispirata artista di Cheyenne, Wyoming, l’esploratrice della coscienza Madge Midgely. Due capitoli in due mesi, più tantissimi sketch in lavorazione e una voglia di fare e di essere assolutamente temperate. Tante lettere, tante riflessioni e chiarezza con sullo sfondo una tela lo-fi senza compromessi, accanita, ipnotica.
Siamo appassionati del frammento e dell’emozione lacerante della rivelazione che la coscienza offre a qualsiasi atomo e subatomo. Quella ci chiama e ci fa sentire vicini e coincidenti. I mezzi esterni sono una ricaduta e un riflesso. Bisogna premere l’interruttore e accendere quel potere e nella stanza si fa subito luce, tutto prende senso. Così noi non abbiamo mai suggerito di fare questa o quella cosa. Per noi è sempre il momento.
Mandie Shattuck: Voce, parole, space drum, reed organ, suoni, inspirazione, dipinti.
Alessandro Muresu: chitarre baritone, monotron, percussioni, suoni, barbe.
Foto/Arte: Madge Midgely
Link ai lavori di Mandie:
https://madgemidgely.com/
https://www.facebook.com/madgemidgelyoriginals/

Annunci

Autore: Alessandro Muresu

Sono un autore di musica della bassa tecnologia e un signore dell'Ottocento di questi giorni.